Tag Archives: ozor

Micorrize in breve

1 – Che cosa è un fungo micorrizico ? Un fungo micorrizico è un fungo che si associa in simbiosi con le radici di una pianta. Si parla di simbiosi reciproca, perché ogni partner si avvantaggia di questa associazione. Questa simbiosi è più comunemente noto come micorriza (dal greco: myco/funghi e rhiza/radice). 2 – Micorrizazione : come funziona ? In questa associazione simbiotica, le ife del fungo colonizzano il terreno e le radici delle piante. Le ife di forma filamentosa che colonizzano il suolo assorbono l’acqua Continue reading →

Ozor – Glomus intraradices

Inoculo di soli funghi micorrizici OZOR contiene 500 propaguli/grammo, in una formulazione perfettamente disperdibile in acqua, di un ceppo efficace (CMCCROC7) di un fungo endomicorrizico prodotto in purezza. Grazie alla eccezionale ricchezza in propaguli OZOR è in grado di micorrizare rapidamente le radici delle piante in tutte le fasi di coltivazione migliorando il rapporto tra pianta e suolo, l’utilizzo dell’acqua e la nutrizione minerale (specialmente per elementi poco mobili come fosforo e microelementi). La simbiosi tra fungo e pianta si instaura in maniera duratura favorendo Continue reading →

Micorrize: applicazioni

Gli effetti della micorrizazione non sono immediati ma le prime differenze significative di crescita si vedono già dopo circa 20 giorni dall’inoculo, quindi l’effetto della micorrizazione su piante a ciclo corto (es. lattuga) sono meno evidenti. Nel caso di coltivazioni a più cicli successivi sullo stesso terreno, la micorriza rimane nel suolo (se non viene fumigato) e l’effetto di micorrizazione diviene più rapido e massiccio di ciclo in ciclo. L’effetto di bio-protezione dell’apparato radicale riguarda alcuni patogeni radicali e qualche specie di nematodi. L’inoculo di Continue reading →

Effetti delle micorrize

L’effetto della micorrizazione è essenzialmente un enorme moltiplicazione della superficie e del volume radicale (sino al 700% in più rispetto ad un apparato radicale non micorrizato). I risultati ottenuti con l’instaurarsi della simbiosi sono:  incremento della capacità di assorbimento di acqua, di macro e microelementi (fosforo in particolare, zinco, ferro, manganese, ecc.). Nei riguardi del fosforo, la disponibilità per la pianta di questo elemento si manifesta soprattutto nei periodi freddi (primavera e autunno = maggior sviluppo della pianta in un periodo di ciclo rallentato); maggior Continue reading →